scritta-uominiveri

"Il Festival dei Vini Estremi" - Vino e Cibo

"Penso parecchio a questo titolo in rima che Gianpaolo Girardi ha messo al suo scritto d’apertura del nuovo Catalogo 2018 di Proposta Vini, la bella realtà ch’egli ha ideato una trentina d’anni fa e ch’è cresciuta nel tempo, divenendo un riferimento d’indubbio valore nel panorama della distribuzione italiana dei vini di qualità......."

 

vino-e-cibo

"In passerella al Montresor Hotel Tower di Bussolengo i «Vini dell'Impero», i «Vini delle Isole Minori del Mediterraneo», le «Bollicine da uve italiane», i ”Piwi” (vini prodotti senza l'utilizzo di prodotti chimici), i “Vini Eroici”, figli della fatica, del sudore e della laboriosità dell'uomo, prodotti in zone spesso impervie con uve coltivate in minuscoli fazzoletti di terra strappati alla montagna, alle rocce, al mare: dal Trentino-Alto Adige alla Sicilia, dalla Valle d'Aosta all'Etna, dalle Cinque Terre alla Costiera Amalfitana.
 
Gennaio e febbraio sono i mesi delle «anteprime» per i top wine della Penisola. La prossima settimana aprirà le danze la kermesse enoica dedicata all'Amarone della Valpolicella, nei giorni successivi sarà la volta dei grandi toscani: Brunello di Montalcino, Morellino di Scansano, Chianti, Nobile di Montepulciano, Vernaccia di San Gimignano. Puntuale a fine  gennaio anche Gianpaolo Girardi, patron di Proposta  Vini (l'azienda di Cirè di Pergine che seleziona e commercializza vini, spumanti, grappe, oli e aceti) ha riproposto l'ormai tradizionale appuntamento legato alla presentazione del nuovo Catalogo 2018. Per tre giorni il Montresor Hotel Tower di Bussolengo si è trasformato in una sorta di «Winefestival» europeo che, al cospetto dimigliaia di wine-lover, buyer e opinion leader, ha visto sfilare in un clima di entusiasmo e di rinnovato ottimismo i  cosiddetti vini alternativi: i «Vini dell'Impero», i «Vini delle Isole Minori del Mediterraneo», le «Bollicine da uve italiane», i <Piwi> (vini prodotti senza l'utilizzo di prodotti chimici), i <Vini Estremi>. Vini eroici, questi ultimi, figli della fatica, del sudore e della laboriosità dell'uomo, prodotti in zone spesso impervie con uve coltivate in minuscoli fazzoletti di terra strappati alla montagna, alle rocce, al mare, dal Trentino-Alto Adige alla Sardegna, dalla Valle d'Aosta alla Sicilia, dalla Valtellina alla Costiera Amalfitana, dalle Cinque Terre all'Etna. Centotrenta le aziende presenti in rappresentanza di sei nazioni: Francia (con le regioni di Bordeaux, Bourgogne e Champagne), Austria, Germania, Slovenia, Croazia, Ungheria e Italia. Il Trentino era rappresentato da venti aziende: Albino Armani, Baldessari, Battistotti, Borgo dei Posseri, Casata Monfort, Dall'O', Alfio Nicolodi, Limina, Longariva, Francesco Poli, Pravis, Molino dei Lessi, Fedrizzi Cipriano, Romanese, Salvetta, Vallarom, Villa Persani, Vindimian Rudi, Zeni, Cembrani Doc."
"Proposta Vini: spigolature dal Catalogo 2018" - S...
"Proposta Vini presenta il catalogo del 2018 - I N...

Ricerca libera

Ricerca per Categoria